avatar

Voglio diventare una... R&D Director @ Serena Sensini | Martedì 11 Ottobre 2022 | 6 minuti

Ottobre è il mese rosa per la prevenzione dei tumori femminili, e non potevamo non parlare di questa super donna: Rosilari Bellacosa è R&D Director di Syndiag, che sfrutta l’intelligenza artificiale per evidenziare la presenza di cancro ovarico nelle immagini ecografiche.

Trovi la sua intervista di seguito!

Cosa vedrai

Descriviti in 100 parole

Sono Rosilari Bellacosa, pugliese di origine ma trapiantata in Veneto da un bel po’. Ho studiato neuroscienze e all’inizio ho seguito la carriera accademica in questo ambito: ho conseguito un dottorato e per quattro anni mi sono guadagnata da vivere addestrando ratti.

La carriera universitaria però non era nelle mie corde e, dopo molte riflessioni, ho lasciato l’università e ho cercato progetti che mi permettessero di continuare a fare ricerca e di utilizzare tecnologie all’avanguardia, e che fossero anche sfidanti.

E quale progetto migliore di una startup in medtech! Nel 2018 ho avuto la fortuna di conoscere i miei attuali soci, Daniele Conti e Federica Gerace, e assieme abbiamo fondato Syndiag.

In cosa consiste il ruolo di R&D Director?

In Syndiag usiamo l’intelligenza artificiale per evidenziare la presenza di cancro ovarico nelle immagini ecografiche.

L’attività di ricerca è quindi focalizzata sull’AI: in una giornata tipo, il team coinvolto in un progetto utilizza la letteratura scientifica dell’ambito per testare soluzioni e sviluppare i cosiddetti POC (proof of concept, prototipi).

Un filone di progetti si focalizza poi sulla valutazione clinica dei prodotti che sviluppiamo, allestendo veri e propri esperimenti per valutare l’utilizzo dei prodotti da parte de* medic*.

Syndiag è una startup early stage, con un team limitato. Io mi occupo di delineare le attività e di gestire il team, ma partecipo anche attivamente alla ricerca (scrivo codice anche io), e alla scelta delle tecnologie da utilizzare nel passaggio dalla POC al prodotto, un’attività più da CTO.

Qual è la soft skill più importante che deve possedere una R&D Director?

Ce ne sono tante, sicuramente le abilità interpersonali e di comunicazione sono fondamentali nella gestione del team. Anche le competenze di project management sono importanti, soprattutto in una startup con risorse limitate.

A mio avviso, però, la capacità di problem solving è una caratteristica immancabile, ed è alla base di una startup innovativa: creiamo prodotti che rispondano a un bisogno davvero sentito dall’utente.

Mi piace pensare alla R&D come a un puzzle, per cui serve conoscenza, creatività, capacità di adattarsi velocemente e di affrontare i problemi (che si presentano spesso).

La maggior parte di noi utilizza i social per parlare dei propri successi, ma la realtà è che siamo quel che siamo grazie al 90% dei nostri errori. Racconta il tuo più grande fallimento da quando lavori nel settore, che però ti ha reso ciò che sei.

È difficile rispondere a questa domanda, perché il lavoro in startup insegna a cercare sempre di salvare il salvabile.

Tuttavia ho vissuto come un fallimento la scelta di lasciare università, perché avevo la sensazione di non essere stata all’altezza di quella carriera e al tempo stesso di aver perso anni preziosi per costruire una carriera al di fuori e che ormai fosse troppo tardi.

Ho superato il momento parlando con persone che avevano fatto la stessa scelta e che mi hanno fatto capire che si può cambiare percorso, non è la fine del mondo, e anzi è addirittura possibile sfruttare quanto imparato in un ambito nell’ambito successivo.

Banalizzando, la morale per me è che siamo pien* di risorse. Il lavoro è importante e ci può appassionare, ma resta un lavoro, e un “fallimento” sul lavoro non determina il nostro fallimento come persone.

Come fare per diventare una R&D Director?

Premetto che la mia attività si svolge in una startup con un team limitato e con forte vocazione alla ricerca, nella quale prodotto e R&D si parlano molto, per cui si sovrappone spesso con quella di un CTO.

Serve ovviamente forte competenza di dominio: per Syndiag è fondamentale l’interazione con medic espert** e la conoscenza degli algoritmi di computer vision.

Nella mia esperienza, una formazione alla ricerca è anche necessaria. E’ importante anche avere competenze di gestione di progetti.

Parlando di successi, qual è il tuo prossimo obiettivo? Quale ruolo vorresti ricoprire entro i prossimi 3 anni?

Da co-founder, gli obiettivi di crescita professionale si affiancano agli obiettivi di crescita dell’azienda.

Gli obiettivi economici sono raggiungibili attraverso l’offerta di un prodotto funzionante e all’avanguardia, che a sua volta è il risultato di un team competente, ben affiatato, ed efficace.

I miei obiettivi professionali mirano quindi alla crescita del team che supervisiono, di numero e di competenze. Mi aspetto che il mio ruolo diventi sempre meno operativo, e somigli sempre più a quello di un CTO “tradizionale”, con una forte componente strategica e meno scrittura di codice in Python!

Conosci il tema gender gap in ambito STEM? Se sì, come fare per superarlo?

Come tutt*, probabilmente ho assistito a esempi di gender gap in STEM già a scuola, quando i ragazzi venivano premiati di più per i loro successi in matematica (a me per esempio avevano caldamente consigliato un percorso umanistico).

Ho acquisito una visione più consapevole durante il percorso accademico: neuroscienze è un ambito interdisciplinare, ma le ragazze arrivano spesso da psicologia e biologia, considerate “da femmina”, mentre abbonda di ingegneri e fisici.

È un tema che, anche per storia personale, mi sta molto a cuore. In Syndiag incentiviamo la presenza di donne in ruoli molto tecnici, a oggi abbiamo un team “sbilanciato in positivo” per genere.

Siamo inoltre due donne su tre fondatori, e la mia socia Federica Gerace e io siamo a capo dell’intera divisione tecnologica dell’azienda. Assieme ad altr* professionist* lo scorso anno ho anche co-fondato un’associazione (CD5050) che ha l’obiettivo di avvicinare le ragazze al coding.

Organizziamo workshop nelle scuole superiori in varie città, e invito a contattarmi chi fosse interessato a partecipare!

Contatti

Ti potrebbe interessare anche...

avatar

Social