avatar

Voglio diventare un... Innovatore Digitale


@ Serena Sensini | Martedì 20 Dicembre 2022 | 9 minuti

Creare chatbot e sfruttare Telegram non sarà più un segreto!

➡️Leggi l’intervista di Gabriele Dell’Aria, ingegnere informatico siciliano che sfrutta la sua professione per aiutare le altre persone a crescere, e per crescere lui stesso!

Cosa vedrai

Descriviti in 100 parole

Ciao sono Gabriele e sono un Ingegnere informatico siciliano esperto di innovazione digitale e di Telegram e chatbot. Il mio compito è guidarti nell’ottimizzazione del tuo ecosistema digitale (insieme degli strumenti e delle piattaforme necessari per la comunicazione digitale) con strumenti innovativi ed efficaci (automazioni, chatbot e Telegram) e nell’ottimizzazione di quelli già esistenti (siti web, landing page, blog e podcast). Non mi definisco quindi un semplice sviluppatore freelance! 

Mi definisco un ingegnere informatico alternativo perché preferisco un approccio molto più umano al mio lavoro: utilizzo molto del mio tempo per ascoltare costantemente le esigenze, i dubbi, i desideri e le caratteristiche del mio cliente per dargli la miglior esperienza di supporto e di risultati possibile…

Uso i dati per supportare le mie strategie di lavoro e di progettazione anziché per analizzare in modo freddo il mercato a cui si rivolgono i miei clienti e il loro target di riferimento.

Prima di tutto per me c’è sempre la soddisfazione del cliente e infatti mi baso molto sulle emozioni e sulle sensazioni che mi trasmettono le persone che incontro lungo il mio cammino.

In cosa consiste il ruolo di Innovatore Digitale?

Non mi sento un semplice sviluppatore freelance, piuttosto mi sento anche una guida all’innovazione digitale e anche un esperto formatore di Telegram. In teoria lavoro da solo ma in realtà non sono affatto solo perché ho instaurato diverse collaborazioni con tanti colleghi freelance sia per servizi che eroghiamo insieme sia per collaborare in progetti di team di freelance. 

Chi si rivolge a me sa anche che non solo posso aiutarlo con il mio lavoro, ma se ritengo di non essere la figura adatta a risolvere i suoi problemi, ho a disposizione una rete di colleghi professionisti che ho costruito per poter indirizzare quella persona verso la figura di cui ha più bisogno senza chiedere nulla in cambio se non la sua felicità e la sua soddisfazione nel raggiungere i suoi obiettivi.

Questo è stato possibile dopo ben due anni dall’apertura del profilo Instagram grazie al quale ho conosciuto tantissimi professionisti in tutta Italia con cui collaboro da parecchio e che in alcuni casi sono addirittura diventati amici … Insomma, ho instaurato una grande rete di persone di cui fidarmi e con cui confrontarmi costantemente per crescere (come persona e come professionista) e offrire il meglio ai miei clienti.

Ai miei clienti offro numerosi servizi fra cui lo sviluppo da zero di siti web, la creazione di chatbot personalizzati e automazioni personalizzate, un percorso di formazione sull’uso professionale di Telegram e uno di costruzione di un podcast proprietario.

Per svolgere questi servizi mi occupo di numerose attività: non solo progetto la grafica, la struttura e tutto il necessario per realizzare e configurare al meglio un sito web, ma mi occupo anche di revisionare i testi forniti dal cliente e aiutarlo ad analizzare al meglio le caratteristiche del suo brand valorizzando gli aspetti che lo rendono unico e che rendono unico le persone coinvolte. Nel percorso di formazione Telegram e nel percorso per i podcast esalto poi questi ultimi aspetti per creare strategie di contenuti ad hoc che valorizzino quel brand/personal brand anche su Telegram.

Chiaramente, anche la creazione di chatbot, automazioni, configurazione di spazi di hosting, è fatto per rendere le soluzioni finali super performanti.

Qual è la soft skill più importante che deve possedere una Innovatore Digitale?

La soft skill più importante per chi fa il mio lavoro (sviluppatore freelance, guida all’innovazione digitale e formatore Telegram) è la pazienza e la capacità di restare costantemente in ascolto di chi si rivolge a noi in modo attivo: questo è fondamentale perché la corretta comunicazione non solo favorisce un lavoro di qualità molto maggiore e più preciso ma velocizza ogni fase del lavoro stesso, oltre a ciò lascia in chi si affida a noi la netta sensazione di essere guidati al meglio e supportati costantemente … questo creerà molta fiducia e di conseguenza favorirà un rapporto genuino fra voi e chi si affida a voi. 

La maggior parte di noi utilizza i social per parlare dei propri successi, ma la realtà è che siamo quel che siamo grazie al 90% dei nostri errori. Racconta il tuo più grande fallimento da quando lavori nel settore, che però ti ha reso ciò che sei.

Sono perfettamente d’accordo…

siamo quel che siamo soprattutto grazie agli errori che abbiamo fatto, all’esperienza che abbiamo acquisito e alle lezioni che abbiamo imparato e tramite le quali siamo cresciuti.

Proprio per questo vorrei raccontarvi il mio più grande fallimento.

Era marzo 2021 e nonostante il tanto lavoro già in essere stavo progettando di instaurare qualche partnership con alcune web agency in modo da allargare i miei orizzonti e le mie possibilità come libero professionista così quando ricevetti un’interessante chiamata da una web agency siciliana che aveva appena acquisito una nuova cliente pugliese e le cui persone le conoscevo già da anni approfondii subito.

Solitamente non prendo nemmeno in considerazione progetti di clienti non miei ma in questo caso, dopo un mese di trattative, firmai il contratto che mi legata alla web agency e accettai pur di instaurare una futura duratura collaborazione con questa web agency.

Nonostante diverse premesse non promettenti, alla fine mi decisi che era la cosa giusta da fare per crearmi una nuova strada nel mio business futuro.

All’inizio l’organizzazione fu perfetta e mi fu fornito tutto il necessario per lavorare ma poi nel giro di poche settimane la magia si ruppe e iniziò una escalation di problemi che si trasformò nel più grande fallimento della mia vita lavorativa.

Una corretta comunicazione con la web agency e direttamente con il cliente fu il problema principale.

Mi trovai così non solo a realizzare il nuovo sito senza specifiche da parte del business ma a doverlo fare senza avere alcuna informazione su come dover procedere con alcuni dettagli relativi al brand.

Così tra la mancata comunicazione e l’insoddisfazione per il lavoro svolto dopo circa 3 mesi un giorno giungemmo ad un punto di rottura: mi arrivò una chiamata all’improvviso in cui venivo pesantemente criticato per il lavoro svolto.

Il confronto fu molto acceso e, nonostante non fossi stato neanche pagato, mi resi conto che era meglio salvaguardare la mia salute e il mio portafoglio perché non ne valeva la pena economicamente.

Lasciai perdere e imparai così una grande lezione: mai accettare un’opportunità di cui non si è pienamente convinti.

Come fare per diventare un Innovatore Digitale?

Diventare una guida all’innovazione digitale e un esperto formatore di Telegram richiede qualche skill più trasversale, una conoscenza completa e costantemente aggiornata del web e tanto altro: innanzitutto bisogna conoscere bene le dinamiche che regolano i principali social network, avere tutte le skill tipiche di chi fa personal branding e chi crea progetti validi di digital marketing sia a livello di gestione che di creatività e soprattutto avere una grande conoscenza degli strumenti più innovativi da associare ai canali di comunicazione principali (canali social, ma anche newsletter e podcast).

Per diventare un formatore Telegram serve quindi conoscere molto bene a 360° Telegram e gli strumenti ufficiali e non che mette a disposizione (parliamo dei migliori chatbot Telegram). Oltre a ciò un esperto e bravo formatore Telegram deve saper analizzare al meglio il brand o personal brand che si vuole portare su Telegram e creare una strategia di contenuti che supporti al meglio quel brand / personal brand anche su Telegram … in sintesi serve tantissimo studio del digital marketing e degli strumenti innovativi.

Non servono quindi particolari certificazioni (anche se consiglio sempre di formarsi con piattaforme come Udemy, Learnn e Carriere.it perché aiuta molto a crescere velocemente) ma basta avere una buona base di partenza sulla tecnologia e sul mondo della programmazione, tanta pazienza e sperimentare tanto con le nuove tecnologie, soprattutto con i chatbot e le automazioni su cui c’è poco materiale completo e funzionale per gli sviluppi industriali.

Parlando di successi, qual è il tuo prossimo obiettivo? Quale ruolo vorresti ricoprire entro i prossimi 3 anni?

Il mio prossimo obiettivo è un grande e ambizioso obiettivo che sogno sin da quando sono piccolo, creare un’azienda innovativa tutta mia legata al mondo della comunicazione e al mondo tech. Nei prossimi 3 anni mi vedo ancora freelance ma sono sicuro che farò tanti passi in avanti in direzione di questo grande obiettivo che vorrei realizzare nel giro di 5 anni grazie ai contatti e all’esperienza nel frattempo acquisita.

Conosci il tema gender gap in ambito STEM? Se sì, come fare per superarlo?

Purtroppo conosco bene il tema gender gap in ambito STEM e provo molta rabbia per il divario che tiene spesso lontano le donne dall’ambito STEM: lungo il mio cammino ho incontrato, collaborato e lavorato con tante donne abilissime che nell’ambito STEM si sono affermate o che ci lavorano e mi sono sempre confermato l’idea iniziale… le donne sono ugualmente abili quanto gli uomini e fanno un lavoro di qualità altrettanto elevata ed è incredibile assistere a questo genere di situazioni a causa del pesante ambiente maschilista che regna sovrano nella nostra società. Fortunatamente grazie ad eventi su larga scala quali per esempio “Woman X Impact”, questo fenomeno sta piano piano facendo passi in avanti in senso positivo e le donne stanno piano piano acquisendo più consapevolezza anche nell’ambito STEM, anche se in futuro mi auguro di vedere in questo ambito una perfetta parità di diritti, di trattamento e di valorizzazione generale per le donne.

Contatti

Ti potrebbe interessare anche...

Condividi questo post




avatar

Social